CONFEDERAZIONE DEGLI AGRICOLTORI EUROPEI E DEL MONDO

ACCORDO DI LIBERO SCAMBIO TRA UNIONE EUROPEA E MAROCCO: SI COMINCIANO A LEVARE VOCI CONTRARIE

È previsto per domani il voto sull’approvazione dell’accordo di libero scambio tra l’Europa ed il Marocco e già, sottolinea Rocco Tiso Presidente della Confeuro, molte organizzazioni ed associazioni iniziano a borbottare invitando i Parlamentari italiani che siedono a Bruxelles ad esprimere un voto contrario.

C’è chi si dice preoccupato per le conseguenze negative che l’applicazione avrebbe sul nostro sistema agricolo ed agroalimentare, poiché ritiene che l’accordo sia molto più favorevole al Marocco che alla comunità dei 27 in particolare per quanto riguarda il settore dell’ortofrutta.

Chi invece ci giù più duro parlando di un impatto catastrofico sugli agricoltori europei con ripercussioni drammatiche sull’occupazione nelle zone rurali dell’Unione europea. Per molti, prosegue Tiso, se si concludesse tale accordo si assisterebbe ad un notevole aumento dei prodotti provenienti dal Marocco.

Per tanti, dunque, si tratta di un’ipotesi di accordo oggettivamente squilibrate e che non salvaguarda i principi di reciprocità delle conduzioni produttive che devono essere alla base di qualsiasi intesa che l’Europa intenda fare con paesi terzi.

Per noi invece, conclude il Presidente della Confeuro, il nocciolo della questione sta tutto nel verificare le reali intenzioni della Comunità di cui, almeno fino ad ora, anche l’Italia fa parte, di voler veramente aiutare quei paesi che, come appunto il Marocco, necessitano di una mano per svilupparsi senza arroccarsi in inutili posizioni nazionaliste.

Pubblicato il 15 02 2012 alle 10:23 da admin Confeuro

Informativa Privacy | Sito Web realizzato da Necos - Creazione Siti Web Roma