CONFEDERAZIONE DEGLI AGRICOLTORI EUROPEI E DEL MONDO

SOSTENIBILITA’ AGROALIMENTARE, SERVE PIU’ CONCRETEZZA ALTRIMENTI SI SPENDE MA NON SI RACCOGLIE

All’ Inea in collaborazione con il centro di ricerca Fulbright e la fondazione Cesaretti, si è discusso della sostenibilità agroalimentare, per fornire un quadro più generale e complessivo sulla stessa.

Non vorremmo che quanto detto ieri all’Inea diventi il pretesto per danneggiare già chi non ne può più di ascoltare enunciazioni strumentali che palesemente ci sembrano il viatico per spendere il denaro pubblico in chiacchiere.

Quello che vogliamo evidenziare è che a volte questi dibattiti e queste “tavole rotonde” pur essendo utili e pur parlando di argomenti importanti, diventano “fumosi” nel senso che non riescono a centrare l’argomento “clou” del dibattito e non c’è chiarezza nelle parole e nelle argomentazioni; nel convegno si è parlato di organizzazioni di mercato, forse volendo intendere le organizzazioni di produttori, e si è parlato di Pac in maniera confusa e disomogenea.

La sostenibilità ambientale è un tema molto importante, ma deve essere trattato nel modo giusto e centrato, affrontando l’argomento nei suoi aspetti più importanti, con il coinvolgimento di chi opera effettivamente nel primario.

Nel nostro mondo l’approssimatività non è più sopportabile, l’agricoltura chiede concretezza e serietà, quando si affrontano temi che coinvolgono i pochi agricoltori sopravvissuti e che ancora oggi fanno la levataccia alle quattro del mattino e vanno a coltivare e produrre per apparecchiare la tavola del mondo.

Pubblicato il 12 09 2013 alle 11:45 da admin Confeuro

Informativa Privacy | Sito Web realizzato da Necos - Creazione Siti Web Roma