ANCORA UNA LETTERA PER AVEPA

Mar 31, 2017 | News

Spett.le
Avepa.
Sede Centrale
via Niccolò Tommaseo 67/C
35131 Padova (PD)
 
Spett.le
MIPAAF
Ministero Italiano delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali
 
Via XX settembre, 20
00187 Roma
 
Spett.le
Regione del Veneto
Giunta Regionale
Palazzo Balbi – Dorsoduro, 3901
30123 Venezia
 
Spett.le
Regione Lazio
Via Rosa Raimondi Garibaldi 7
00145 Roma
 
Racc A/R
Anticipata via pec a:
protocollo@cert.avepa.it
aoo.seam@pec.politicheagricole.gov.it
 
protocollo.generale@pec.regione.veneto.it 
agricoltura@regione.lazio.legalmail.it
 
In nome e per conto dei sigg. Tiso Rocco e Giordani Francesco, riscontrando la nota Avepa del 30.03.2017 e facendo seguito alla nota inviata ad Avepa dal sig. Tiso, invio la presente per significare quanto segue.

In primo luogo, chiedo con urgenza un incontro formale con i Vertici di Avepa per chiarire una volta per tutte, in termini costruttivi  ma decisi la posizione di Eurocaa srl e soprattutto dei suoi attuali vertici societari. In considerazione che in gioco ci sono gli interessi degli agricoltori auspichiamo come termine perentorio dell’incontro, entro e non oltre Lunedì 3 aprile.

Si rappresenta, volontà specifica ed espressa del Presidente Nazionale Confeuro, sig. Rocco Tiso, partecipare di persona unitamente ad altri legali rappresentanti di Eurocaa srl, nonché assieme ad una delegazione di agricoltori anche di altre Regioni in quando la Confeuro si sente responsabile ed impegnata a tutelare tutti i produttori del Paese che, sono i nostri primi ed unici rappresentati.

Condividendo la posizione da Avepa espressa sulla situazione degli Agricoltori e dei Produttori veneti, tengo tuttavia a sottolineare che i diritti e gli interessi dei nostri associati sono i nostri diritti, e i loro valori sono i nostri.

Pertanto Eurocaa srl, se da un lato è disponibile a liberare tutti i fascicoli facenti capo ad Avepa, al contempo è aperta a collaborare e cooperare fattivamente con Avepa stessa per tutelare e garantire i diritti e gli interessi dei nostri rappresentati. Ci corre l’obbligo comunque di chiarire che i fascicoli saranno resi disponibili a seguito di regolare disdetta a mezzo raccomandata A/R, così come prevede la normativa vigente.

Ove AVEPA suggerisce altre modalità, la nostra disponibilità a collaborare resta integra, previa lettera di Manleva di ogni responsabilità in capo alla srl EUROCAA, atteso che Codesta Agenzia dichiara di essere proprietari dei fascicoli aziendali.

Occorre però sottolineare come la situazione creatasi non dipenda in alcun modo dai nostri assistiti e dalla loro volontà, e che da parte nostra ci siamo attivati nei confronti dei responsabili in ogni sede, sia in via amministrativa che legale.

Sul punto, giova evidenziare come i fascicoli non sono in possesso di Eurocaa srl, ma di soggetti privati,  e che questi soggetti stanno operando illecitamente e a totale insaputa dei legittimi vertici di Eurocaa srl.. Le responsabilità della sottrazione e dell’indebita appropriazione dei fascicoli oltre che, soprattutto, delle scritture contabili e dei libri sociali di Eurocaa srl è totalmente addebitabile a persone diverse, estranee e sconosciuti ad Eurocaa srl.

Si puntualizza che questi soggetti, inoltre, hanno operato non solo in modo illegale ma anche senza alcun rispetto dei doveri di diligenza, controllo e vigilanza che, al contrario, dovevano costituire loro prerogativa e che sono invece stati da loro interpretati come appropriazione, abuso ed illegittimo eccesso di potere, ne si può addebitare al CAA EUROCAA la custodia dei fascicoli, non avendo cognizione delle clausole contrattuali in capo ad AVEPA.

L’Agenzia Veneta,  può perfettamente verificare e comunicarci dove sono materialmente i fascicoli e in questo noi chiediamo che Avepa intervenga e faccia la sua parte.  Ad oggi i legittimi responsabili, ovvero i nostri assistiti, sono costretti ad operare al buio, in quanto il firmatario della Convenzione, sig. Zilio, pur intimato, si rifiuta di consegnare la stessa e il resto degli atti di legge, mettendo a rischio non solo i produttori veneti, ma oltre 20.000 agricoltori nel resto del Paese.

Alla luce di quanto sopra, confidiamo nel senso del doveree di responsabilità di Avepa, insistiamo nel chiedere che anche l’Agenzia faccia la sua parte e si adoperi per tutelare e rendere effettivi i diritti e gli interessi dei nostri consociati veneti, che in noi troveranno sempre validi interlocutori e seri rappresentanti.
Da ultimo rimarchiamo come, ove l’incontro da noi richiesto non avvenisse urgentemente, Eurocaa srl declina ogni paventata responsabilità, atteso che non ha cognizione dell’accordo già revocato,  né riteniamo nostra responsabilità la custodia dei fascicoli in quanto le sedi operative ormai ex Eurocaa srl si dichiarano appartenere ad altra sigla, di cui nulla a noi è dato sapere, in quanto nulla ci è stato comunicato.

Ribadiamo infine che Eurocaa srl ha fatto e sta facendo di tutto per salvaguardare i diritti e gli interessi dei produttori e degli agricoltori, accanto ad essi e, auspicabilmente, anche affiancandosi alle Agenzie Erogatrici degli aiuti, in quanto da parte di Eurocaa srl e dei suoi vertici societari vi è, come vi è sempre stata, massima trasparenza, correttezza e disponibilità nei confronti sia dei consociati che delle istituzioni.

In difetto di una adesione da parte di Avepa alla nostra richiesta, non disponendo materialmente dei fascicoli aziendali,  non solo sottolineiamo la nostra totale estraneità all’operato dell’ormai ex amministratore unico, da cui ci dissociamo in maniera netta e decisa, ma a tutela della nostra buona fede e correttezza interesseremo tutte le Autorità di Legge, nonché il Ministero dell’Agricoltura che ci legge per conoscenza – Dipartimento dell’Ispettorato Repressione e Frodi –  e, se costretti, non esiteremo a chiedere l’intervento immediato della Commissione Europea e del Titolare dell’agricoltura, Commissario Phil Hogan.

Attendo un Vostro positivo riscontro nell’immediato e colgo l’occasione per porgere
 
Cordiali saluti
Avv. Leo Catalano