IL CORAGGIO DI CAMBIARE

Mag 16, 2013 | News

La situazione nel paese è sempre più instabile e le tensioni crescono al punto da mettere in discussione quegli accordi di civiltà alla base della stessa Repubblica. I gesti più estremi, che vanno dalla sparatoria a palazzo Chigi ai diversi suicidi per motivi economici, si sono moltiplicati, e soprattutto, non sembrano arrestarsi.

E’ bene precisare che In questo contesto di enormi difficoltà economiche e rabbia è necessario e doveroso condannare qualsiasi forma di violenza, ma non si può nemmeno credere che basti questo a risolvere i problemi. Azioni terribili come quelle di questi mesi, come quelle che, dettate dalla disperazione, portano a darsi fuoco sotto la minaccia di perdere la casa o a sparare, non possono essere semplicemente archiviate come follia: richiedono anzi il massimo sforzo per riuscire ad arginare almeno i casi gravi; quei drammi sociali che stanno esplodendo a raffica e che rischiano di trascinarci nel caos. Per tutto questo però il tempo stringe e, oggi più che mai, diviene tiranno. E’ finita l’epoca del politichese e del menefreghismo mascherato da diplomazia, ora è tempo di fare finalmente qualcosa di concreto, e soprattutto di coraggioso.

Questo governo si è auto-scelto. Non è stato eletto e voluto da nessuno dei cittadini italiani, si è semplicemente proclamato sulla base di accordi di palazzo e mediazioni lontanissime dal rispondere alla gravità in cui il paese è precipitato. Ma se alla fine governo deve essere: allora che governi, che si assuma la responsabilità costituzionale e il carico di tirarci fuori via dai guai in cui molti dei membri di questo strano esecutivo ci hanno trascinato. E’ questo che vuol dire oggi avere coraggio ed essere finalmente capaci di uscire dalla dimensione dei talk show, ed è questo che come cittadini italiani abbiamo il diritto di pretendere.