IL TEATRINO DELL'(IN)STABILITà

Nov 12, 2013 | News

Vuoi o non vuoi in questo paese a reggere le fila del gioco della politica (o Parlamento che dir si voglia) è sempre il signor Silvio Berlusconi. Quello che sta succedendo oggi ha qualcosa di incredibile, ma ormai effettivamente non c’è più di che stupirsi. Ecco allora che il cammino della Legge di Stabilità fa delle piccole soste corrispondenti a vari emendamenti proposti da questo o quel parlamentare, come ad esempio nuove norme su condono fiscale e Tobin Tax; ma la fermata più interessante arriva sul fronte della cosiddetta depenalizzazione dei reati tributari, che tradotto significherebbe depenalizzazione dei reati fiscali, e che tradotto significherebbe, per il leader del centro-destra, cancellazione della condanna della Cassazione per il processo Mediaset, dell’interdizione dai pubblici uffici di 2 anni e quindi anche dell’insopportabile e detestabile decadenza.

D’altronde si sa, il capo di Forza Italia e la sua famiglia sono perseguitati, come gli ebrei durante il nazismo, e a ricordarcelo, oltre che lui stesso tramite le parole di quello che sarà il nuovo libro di Bruno Vespa, è anche il vicepresidente della Lombardia Mario Mantovani, che ha sfruttato una visita a Gerusalemme (quale luogo più adatto?) per ribadire il concetto.

Divertente è anche il teatrino che mette in scena la battaglia tra i due schieramenti al potere delle assemblee legislative del Belpaese, sulla tassa per la prima casa. Oggi si alza dal proscenio una nuova voce che parla di Tuc, ma a ben pensarci ciò che resta al cittadino sono solo tanti tic causati dall’esasperazione. Di divertente per la verità non c’è nulla. La realtà delle cose fotografa un’Italia allo sbando, traboccante di giovani disoccupati e meno giovani esodati, di tasse sempre più alte e aumenti ingiustificati di Iva e accise, di un’industria che rallenta, di fabbriche e imprese che chiudono, di un settore primario ormai depennato dalle agende dei politici. Ma che importa? Tanto domani c’è la prossima puntata della soap opera sul cavalier Berlusconi! Non vorrete perdervela… Previsti nuovi e mirabolanti colpi di scena.