SCAZZOTTATE ITALIANE

Apr 16, 2013 | News

Ormai ogni giorno giornali, tv e radio fanno da sfondo al ring della politica; i colpi sono violenti e alla cieca e mettono in evidenza tutto il cinismo e il menefreghismo della classe dirigente italiana verso i cittadini. Non è ben chiaro per quale motivo non si riesca più ad uscire da questo clima di rissa continua, e magari a comprendere che è dal dialogo che escono le idee migliori. Ma la via d’uscita sembra lontanissima, intanto e la crisi economica continua a divorare l’economia nazionale. E’ in questo momento che diviene lecito chiedersi dove sono finite quelle parole che fino a pochi mesi fa apparivano come dogmi, tra queste serietà e responsabilità.

L’Italia di oggi è un paese frammentato e diviso, è vero. Ma non è questo a preoccupare in realtà: è la voglia di non cambiare a mettere paura a chi, come i giovani, cerca di guardare al futuro con un briciolo di speranza. Nonostante le dichiarazioni di rito e di apparente apertura, la voglia di essere diversi, di distinguersi e di tracciare una linea tra il giusto e lo sbagliato ha diviso la politica italiana al punto da renderlo dannosa e improduttiva. A pagarne la litigiosità però ovviamente non sono i suoi protagonisti, ma i cittadini, esattamente come avviene per le conseguenze dalla crisi.