L’AGRICOLTURA E’ DEMOCRAZIA

Giu 25, 2018 | News

Ma cos’è l’agricoltura? Ne parlano in tanti, chi bene e chi male, ma la verità è che molti cittadini non riescono a comprendere cosa rappresenti il settore primario, nel mondo e per noi come Paese. Bene: l’agricoltura è quel comparto senza il quale la vita umana non potrebbe esistere. E questo perché si occupa di produrre quelle derrate alimentari che permettono la sopravvivenza di 6 miliardi di persone e perché si prende cura del territorio nel quale vivono.

Questa spiegazione sintetica dovrebbe essere sufficiente a far sorgere una semplice domanda: come mai, quindi, un settore così essenziale non è al centro dei pensieri della politica internazionale al punto da immaginare la riduzione di risorse essenziali al suo sviluppo come quello costituite dalla Pac?

E’ onestamente complesso rispondere. Non è facile comprendere come questo settore sia, nelle attenzioni, dietro a quello finanziario, edile, industriale e del terziario. Eppure i cittadini, selezionando sempre di più i consumi e ricercando un sempre maggiore rapporto con la natura, hanno ampiamente detto la loro su questo punto. Ecco forse esiste una ragione a tutto questo, si chiama democrazia.

La democrazia esiste quando tutti possono esprimere la propria opinione e una maggioranza indica una strada da seguire. Non è facile immaginare che il mondo agricolo sia, democraticamente parlando, una priorità per le persone che popolano il pianeta, ed ecco allora la risposta a tutto questo: la mancata considerazione del mondo agricolo è relativa all’assenza di democrazia.

E’ ora di pensare a tutto questo e di farlo nel modo giusto, non solo guardando i numeri, ma analizzando e osservando la società, i bisogni e i desideri dei cittadini e le loro sane e giuste aspettative di vivere in un mondo democratico, e quindi, con più agricoltura.